Riduzione del seno: quando meno è meglio

riduzione seno

La necessità di ricorrere ad una riduzione del seno è spesso rappresentata da un malessere psico-fisico vero e proprio per il quale il bisturi è l’unica via percorribile.

Quando ricorrere ad una riduzione del seno

La riduzione del seno e, rispetto ad altri interventi di chirurgia plastica, ha una finalità sia estetica che funzionale.

Le donne che manifestano il bisogno di ridurre il volume delle proprie mammelle sono mosse, infatti, non solo dal semplice desiderio di rientrare in determinati canoni di bellezza, ma anche dall’esigenza di liberarsi di una serie di problematiche causate dall’eccessivo volume (es. in caso di ginecomastia).

Nonostante molte donne ricorrano all’aumento del seno, tante altre che presentano già un seno molto voluminoso manifestano diversi disagi. Tra questi: difficoltà nel trovare un abbigliamento adeguato, difficoltà nell’attività sportiva, problemi fisici legati all’eccessivo peso delle mammelle come costanti mal di schiena, difficoltà respiratorie, irritazioni o persino ulcere cutanee sottomammarie.

Non di meno conto, il disagio psicologico determinato da un imbarazzo verso il proprio corpo che, purtroppo, spesso sorge in seguito a commenti indesiderati e dalla difficoltà di nascondere o supportare certe dimensioni.

riduzione del seno

Mastoplastica riduttiva: la soluzione definitiva

Quando il seno si presenta maggiorato, l’unica soluzione per ridurlo è ricorrere alla chirurgia plastica ricostruttiva.

La mastoplastica riduttiva è la procedura risolutiva per questo tipo di problematica, una tecnica che consente di ritrovare il seno desiderato senza perdere la propria femminilità e ritrovare l’amore verso il proprio corpo. Ridurre il seno vuol dire, in breve, eliminare il tessuto mammario e cutaneo in eccesso, quindi riportare le mammelle e le areole alle misure desiderate, talvolta correggere eventuali asimmetrie e ridefinire la forma con un lifting a tutti gli effetti.

Seno nuovo, vita nuova

Sottoporsi ad un intervento di riduzione comporta benefici non indifferenti. Le pazienti che vi si sottopongono, oltre ad affermare di essersi liberate finalmente dei numerosi fastidi dermatologici e osseo muscolari, riscontrano un miglioramento nell’autostima e maggiore confidenza con il proprio corpo. Si sentono più femminili, più belle e sicure anche a livello inter personale. Scoprono finalmente il piacere di indossare certi capi di abbigliamento, come il bikini o un comune reggiseno, di tornare a fare sport liberamente e senza limiti, di dormire nella posizione più gradita.

Raccomandazioni

Nonostante la riduzione del seno sia una delle procedure di chirurgia estetica che offre maggiore soddisfazione, è da considerarsi anche tra le più complicate sul piano operatorio. Per tale motivo, è fondamentale accertarsi di essere in buone mani e di badare non solo al prezzo, bensì anche allo specialista su cui si fa affidamento.

Anche la collaborazione della paziente è sempre fondamentale nel rispettare tutte le indicazioni pre e post operatorie al fine di non vanificare il risultato ottenuto chirurgicamente e ridurre al minimo le possibili complicanze.

Sempre lieto di offrire la mia professionalità e consulenza presso le sedi in cui ricevo.

Dott. Tommaso Anniboletti

COMPILA IL FORM per richiedere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *